Il Signore dei Cancelli®

Cancello giardino chiuso

Cancelli e spazi chiusi, a cura di Paolo Mancarella.


Il cancello che porta ad eigenLab è stato richiuso ma stavolta non è il solo. Con la scusa della sicurezza, già tanto amata dal rettore per privare d’autonomia gli spazi autogestiti e non, la verve maccarellica può ora esprimersi senza vergogna.
Vengono così chiusi i cancelli, cambiate le serrature e svuotata l’università con la giustificazione della nostra salute.

Continua a leggere

#RESTIAMOACCESI: eigenLab lancia un crowdfunding

È passato quasi un anno dal distacco dell‘energia elettrica al casottino di eigenLab da parte del rettore Paolo Mancarella. È passato quasi un anno di buio, di freddo e di tante difficoltà che non solo hanno colpito la progettualità del collettivo, ma anche i/le componenti in maniera personale. Il casottino per tutti e tutte noi, non solo, non è semplicemente un posto dove poter fare assemblea, progettare e mettere in atto le tanto temute attività politiche: è anche la nostra casa, dove abbiamo costruito affetti e intrecciato strade che altrimenti non si sarebbero mai incontrate.
È stato un anno di lotte, di voglia di rialzarsi in piedi, o meglio, di voler riaccendere quella luce che con tanta superficialità ed ignoranza ci è stata tolta.

Continua a leggere

STREET PARADE #SEDERILIBERI

Da qualche giorno molti gesti quotidiani sono diventati sanzionabili in città e tra le mura universitarie, vale a dire: sedersi sui gradini per mangiare un panino o sdraiarsi su una panchina, e tante altre semplici azioni che potete trovare descritte nelle fantastiche ordinanze della giunta a marchio Lega.

È un vero e proprio ossimoro quello che troviamo scritto nelle ordinanze dove ai termini “suolo pubblico” sono affiancati i più disparati divieti relativi a qualsivoglia azione normalmente svolta in questi luoghi[1]. La schizofrenia deve essere risolta: o questi spazi costituiscono un bene pubblico e quindi è possibile usufruirne al meglio, oppure il comune di Pisa e la sua università sono diventate proprietà proprietà private; in quest’ultimo caso aspettiamo solo il momento in cui si dovrà pagare anche il parcheggio per la bici.

Continua a leggere

L’Assemblea è diffidata. Viva l’Assemblea!

OGGI 05/10, ASSEMBLEA PUBBLICA ORE 17 A PALAZZO RICCI

Diffida all'assemblea dei diffidati

Diffida all’assemblea dei diffidati. Il nostro rettore ha uno strano senso dell’umorismo.

Mancarella ha deciso che deve essere diffidata anche l’assemblea che contesta le sue stupide diffide. Vista l’intensa attività gli consigliamo di mandare tutte le prossime diffide all’indirizzo ufficiale degli studenti da diffidare, creato appositamente per le utilissime mail del caro rettore™: diffideunipi@spam4.me

Continua a leggere

Tana libera tutt*

Al rettore non piace confrontarsi con le conseguenze delle sue ignobili azioni.

L’estate scorsa le ragazze ed i ragazzi di eigenLab, attraversando abusivamente il polo Fibonacci chiuso e deserto per le vacanze estive, si accorsero di una fortissima perdita d’acqua che in breve tempo avrebbe allagato il seminterrato dell’edificio C, in cui si trovano le officine dell’INFN e numerosi laboratori. Allertati gli organi centrali (all’epoca riuscivamo ancora a stabilire dei contatti sensati) e segnalata la faccenda, ci ringraziarono ed inviarono una squadra d’intervento. Gli operai della ditta però trovarono tutti gli accessi del polo chiusi, e ricontattarono dunque l’amministrazione centrale, che infine chiamò noi affinché da dentro aprissimo i cancelli: accogliemmo gli operai e li aiutammo a individuare e risolvere il problema della perdita.
Fu piacevole la sensazione di aver contribuito alla tutela di uno spazio importante, uno spazio comune di ricerca, studio e crescita; fu un bell’episodio in cui persone molto diverse collaborarono per un bene comune, e non importava minimamente che questo gesto venisse notato (di ritorno dalle vacanze, nessuno seppe neanche dello scongiurato pericolo di allagamento).

Ad un anno di distanza, gli interlocutori rimangono gli stessi ma la dinamica è completamente stravolta. Rettore e prorettori si nascondono per mesi dietro ben miseri paraventi, disprezzano apertamente gli studenti, non tengono in considerazione alcuna le rappresentanze, evitano il dialogo, non rispondono a nessun tipo di sollecitazione.
Continua a leggere