Orto 2017: cosa è stato fatto e perché

È stato un anno molto interessante per il progetto orto, dopo i numerosi tentativi e le molte sperimentazioni degli ultimi 3/4 anni siamo riuscit* a ottenere dei risultati interessanti e abbiamo deciso di condividerli.

Non si tratta soltanto di risultati in termini quantitativi, ma soprattutto qualitativi, perché il progetto non ha lo scopo di provvedere al sostentamento alimentare completo di una trentina di persone, vuole invece essere un luogo di dibattito, sperimentazione e divulgazione sui temi che riguardano l’ambiente, l’alimentazione e la produzione del cibo.

Continua a leggere

Inaugurazione della stampante 3D autocostruita

Siamo finalmente alle fasi finali della costruzione della stampante 3D: restano da fare qualche test e gli ultimi ritocchi, ma già funziona egregiamente.

 

Domani 6 luglio dalle 17.30 in poi le porte saranno aperte a chiunque sia incuriositu da questa macchina costruita collettivamente:

  • qual’è il motivo per autocostruirsela anziché acquistarne una già pronta (a parte l’alta percentuale di genovesi nel hacklab)?
  • Perché è interessante una macchina che può stampare pezzi di ricambio per se stessa e per altre macchine?
  • Perché preferiamo i paradigmi OpenSource al turbocapitalismo?
  • È possibile riciclare la plastica? ( yes! )

 

Vi aspettiamo numeros* domani al casottino nel polo Fibonacci: stampiamo qualcosa, facciamo chiacchiere 3D aperitiveggiando, una giratina nell’orto col tramonto e la musica a far da sfondo.

UN’AULA X TUTT*

L’Università di Pisa vive una drammatica carenza di spazi per le/gli student*: la stragrande maggioranza delle aule viene chiusa subito dopo la fine delle lezioni, i poli bibliotecari e le altre aule studio sono inaccessibili la sera e durante il weekend. I luoghi dove i/le circa 50.000 iscritt* dell’ateneo possono studiare si riducono a pochi spazi autogestiti, anch’essi sotto minaccia costante da parte dell’amministrazione dell’università.

Considerando soltanto i dintorni del polo Fibonacci, gli spazi a disposizione per studiare oltre l’orario di chiusura erano finora eXploit, l’aula studio Pacinotti, l’aula ponte (solo fino alle 21), le aulette di matematica e l’aula X. Quest’ultima, annessa alla biblioteca di Matematica, Informatica e Fisica e fino a pochi giorni fa aperta anche la sera, è stata chiusa senza un reale motivo pratico o di sicurezza e soprattutto senza coinvolgere gli/le student* né fornire prospettive per il futuro; questo è avvenuto nonostante la trattativa successiva all’occupazione dell’aula ne prevedesse l’apertura anche negli orari serali. Quel che è grave di questa vicenda non è soltanto la limitazione in maniera arbitraria e non necessaria del campo delle disponibilità di un* student*, ma la riproduzione di un’intera simbologia di chiusura, compartimentazione e innalzamento di barriere che caratterizza le trasformazioni della nostra università. In parallelo, si assiste a una continua centrifugazione della popolazione studentesca dal centro alle periferie della città, come è avvenuto per il Dipartimento di Chimica, per gli spazi della Sapienza e come presto avverrà nuovamente per Scienze Politiche.
Continua a leggere

31/03 Jabber @eigenLab: presentazione del servizio

Scaldate i motori! eigenLab presenta il nuovo super servizio che gira sulla sue macchine: Jabber, anche detto XMPP. La sigla sta per eXtensible Messaging Presence and Protocol, ed è un sistema di chat libero e aperto utilizzabile da chiunque!

A cosa serve? Perché lo abbiamo creato? Che differenza c’è tra questa chat e le altre più note e diffuse? Se questi interrogativi ti frullano nella testa giorno e notte fino a friggerti il cervello, questa presentazione è proprio quello che aspettavi!

Vieni a scoprire come funziona, come utilizzarlo, perché utilizzarlo e, soprattutto, cosa ci ha spinto a decidere di offrire al pubblico un servizio di chat di questo tipo, il tutto in un pomeriggio di autoformazione (un po’), chiacchiere (un altro po’) e tanta giuoia (proprio tanta!),  con tanto di guida (davvero pochissimo) all’installazione e alla configurazione.

Dopo la presentazione ci saranno anche qualche drink
e una fantastica super bellissima jam session aperta a tutt*!

Venerdì 31/03
h 18:00
c/o AM2@eXploit (Largo Bruno Pontecorvo, Pisa)

gotta trust ‘em all! (semicit.)

day by day stampante 3D – giorno II

1- Bill Of Material

2-Incollaggio delle parti da non resinare

Nel secondo appuntamento abbiamo incollato i vari pezzi della stampante che avevamo precedentemente verniciato col flatting. 

I pezzi che abbiamo potuto incollare sono solo quelli che non dovranno essere poi passati con resina e fibra e che non fanno parte della struttura principale.  Per incollare i pezzi abbiamo usato della Vinavil e dei morsetti per tenere i pezzi attaccati  mentre la colla asciugava. Dei libri si sono rivelati ottimi per incollare i pezzi che devono rimanere a 90° fra loro.


Abbiamo riutilizzato la carta forno sulla quale avevamo fatto asciugare i pezzi verniciati col flatting per evitare che questi si appiccicassero al bancone.  Abbiamo lasciato i pezzi a asciugare ed abbiamo cominciato a riguardare il progetto per contare tutto il materiale che ancora mancava all’appello e fare una lista dei componenti e da chi prenderli. La trovate qui https://pad.eigenlab.org/p/bomstampante