“IL LUPO PERDE IL PELO, MA NON IL VIZIO” – Sulle diffide, 2022

 

Finalmente, dopo un “tremendo” silenzio assenso regalatoci dal Magnifico REttore, ecco che torniamo ad esistere collezionando – sotto forma di saldo primaverile/estivo – una nuova (ma non troppo!) coppia indimenticabile di DIFFIDE.

Si sa, le vecchie abitudini sono difficili da scardinare: il Magnifico, come un tabagista che non riesce a rinunciare alla nicotina, non può fare a meno di diffidare le solite deleterie attività (organizzate da student*) che non sono «finalizzate a realizzare gli scopi istituzionali dell’Ateneo».

DIFFIDA N°1 – 23/06/2022

Le attività imputate:

  • «gli addetti al servizio di portierato presso le aule studio Pacinotti venivano informati e riscontravano che il lucchetto del cancello che collega l’Area Pontecorvo con l’Area delle aule studio era stato tagliato, notando altresì un cavo elettrico che partiva da un gazebo presente nell’area esterna del Pacinotti e giungeva al giardino adiacente all’edificio E dell’Area Pontecorvo;»

Qui si allude, senza alcuna prova evidente, che sia eigenLab l’autore del misfatto; il crescente afflusso di student e non, però, dimostra l’effettiva esigenza comune di riaprire il passaggio tra il Polo Fibonacci e l’aula studio Pacinotti creando un’area unica e connessa– com’era prima della pandemia.

Riguardo il cavo elettrico collegato al gazebo del giardino del Pacinotti (e quindi dell’università); va riaffermato con forza che è una scelta obbligata.
Scelta nata a causa della fanatica presa di posizione di qualche anno fa del sopracitato Magnifico: l’interruzione improvvisa della fornitura di elettricità al casottino di eigenLab.

Ricordiamo che eigenLab non ha mai avuto alcun problema di comunicazione e/o convivenza con “vicin*” all’interno del dipartimento, né tantomeno con student e anzi, sono stati tanti (finché lo spazio non è stato palesemente ostacolato) i momenti di collaborazione e scambio con la stessa Unipi.

Ad oggi, se eigenLab continua ad esistere come spazio universitario vissuto ed attivo, che autodeterminandosi riesce ad offrire eventi ed attività gratuiti per student e non, non è assolutamente merito dell’università di Pisa;

ma solo grazie ad un impianto fotovoltaico che, dopo alcuni anni di auto formazione, è stato installato ai fini di raggiungere l’indipendenza energetica – vista l’ovvia volontà dell’università di far morire lo spazio.

La diffida prosegue:

  • «che nel suddetto giardino venivano trovate molte persone radunate per una serata “cinema” all’aperto, organizzata abusivamente da EigenLab, come da volantino allegato»

La rassegna è obiettivamente esistita ed è durata quattro giorni, la selezione cinematografica è stata votata e scelta da tant student, tentando di essere il più possibile inclusiva, completamente gratuita e autofinanziata.
Un evento, quindi, che non dovrebbe essere descritto con delle virgolette sbeffeggiative, che è atto anche a far focalizzare l’attenzione su tematiche sensibili e rilevanti.

DIFFIDA N° 2 – 30.06.2022

  • «un “concerto” all’aperto nella notte tra il 18.06.2022 ed il 19.06.2022, organizzato abusivamente da EigenLab e protrattosi ben oltre le ore 5:00 del mattino; attività non autorizzata dall’Ateneo»

L’evento in questione, si è svolto nel giardino di eigenLab (che ricordiamo essere libero e aperto a tutt) da un altro gruppo di ragazz (dunque non è legato al casottino di eigenLab.)

In ogni caso, il “concerto” all’aperto di cui si parla nel documento, è una semplice jam-session aperta e partecipata, protrattasi per molte ore anche in acustico.

  • «questa Amministrazione Universitaria è venuta a conoscenza della programmazione da parte di EigenLab, per la serata di Venerdì 01.07.2022 di un’ulteriore evento musicale dal titolo “Roots and Culture Openair Edition”, che si svolgerà sempre nella medesimo luogo (area che collega il Polo Pontecorvo con la Sala Studio Pacinotti), con durata prevista dalle ore 19.00 alle ore 01.00 del 02.07; come da volantini che si allegano e comunque reperibili sulla pagina Facebook di EigenLab»

Anche in questo caso, eigenLab si dichiara colpevole:

colpevole di aver offerto a chiunque di partecipare ad un evento gratuito di musica reggae all’interno dell’università. Uno stile musicale che storicamente nasce per affrontare problematiche sociali, che promuove messaggi di fratellanza e di pace.

  • «che dalla descrizione dell’evento (Cfr. all. 1 p. 4 e 6), si apprende che nel corso dello stesso saranno svolte anche attività collaterali che prevedono lo scambio di beni e/o servizi contro prezzo quali cessione di alcolici, prodotti agricoli»

L’ultimo punto, non per importanza, si sofferma su un dettaglio decisamente non trascurabile:

oltre ad aver offerto bevande a prezzo decisamente troppo basso (come ben sappiamo il Magnifico non è abituato a venire incontro alle esigenze d* student),
eigenLab ha osato esporre un banchetto (ad offerta libera) che definire illegale è poco, con rosmarino ed aglioni del nostro orto – sempre nella medesima area discriminata «(area che collega il Polo Pontecorvo con la Sala Studio Pacinotti)» cioè l’eigenOrto: uno dei pochi orti presenti all’interno dell’università, l’unico autogestito e aperto a tutt*.

Eppure proprio il nostro amato Rettore, si dichiara sensibile alle tematiche green, sono tanti gli esempi a dimostrarlo: pochi mesi fa è stato fatto “un brindisi con acqua pubblica per dire addio alla plastica” e sono state fornite 10.000 nuove borracce per matricole e non, ci sono stati incontri come “La sostenibilità è una cosa seria”… eppure il nostro caro orto – proprio all’interno della stessa università – è stato ostacolato e chiuso ripetute volte (con opinabili risultati).

Alla luce di ciò, abbiamo deciso di rispondere (si spera per l’ultima volta) al nostro fedele amico di penna.

Illustrissimo Rettore Prof. Paolo Maria Mancarella;
ci rendiamo conto che questi anni di distacco e chiusure a causa della pandemia sono stati durissimi, sappiamo che ha sentito la nostra mancanza e che, effettivamente, un rapporto come il nostro non poteva finire così… “nel buio”.

EigenLab per quanto sopra premesso,

DIFFIDA

il REttore Prof. Paolo Maria Mancarella dalle diffide,

INVITA

nuovamente il Rettore Prof. Paolo Maria Mancarella ad instaurare un rapporto più sano e civile con student, senza ostacolare i progetti spontanei, indipendenti e genuini che nascono all’interno della “sua” università e soprattutto senza ricorrere alle semplici e banali vie legali,

SIGNIFICA

che eigenLab declina da ogni forma di merito il suddetto Rettore per la realizzazione di laboratori ed eventi inclusivi e gratuiti svoltisi in tale area,

FA PRESENTE CHE

come dimostrato in passato, i ripetuti tentativi di chiudere il nostro spazio, resteranno vani.

EigenLab è un ex hacklab autogestito e si pone come spazio safe, aperto, queernerd e transfemminista; sulla base di ciò rivendica la sua esistenza e la sua identità.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                              eigenLab

Per leggere il testo originale delle diffide clicca sui seguenti link:

Diffida eigenLab 23.06.22
Diffida eigenLab 30.06.22

Giugno-luglio 2022 – “post” pandemia, la repressione è quello che resta.

 Dopo più di due anni completamente distopici – in cui abbiamo avuto modo di vivere e comprendere vari livelli di difficoltà e sofferenze causate dalla pandemia – anche alcun student* finalmente reagiscono a questa restituzione illusoria della nuova “normalità”.

 

È innegabile che già in tempi non sospetti, cioè di pre pandemia, si vivesse un clima non proprio accomodante nei confronti di student e di iniziative studentesche all’interno dei locali dell’università.
Gli stessi locali che non avrebbero ragione di esistere, senza student.
Come dimenticare l’interminabile “era delle diffide”, in cui il Magnifico Rettore PAOLO MARIA MANCARELLA – in piena linea con la giunta comunale leghista – ha avuto la sfacciataggine di diffidare (per interderci si è preso la briga di inviare fisicamente delle diffide in forma scritta a vari collettivi, associazioni etc) per le più svariate e pericolosissime attività proposte da student: cineforum, aperitivi e addirittura dannosissime assemblee all’interno dell’università.
diffidati

ANCHE QUEST’ANNO NE AGGIUNGIAMO DUE ALLA COLLEZIONE! (a breve gli aggiornamenti)

Il tutto accompagnato dall’apparizione di nuovi cancelli per delimitare spazi autogestiti e autonomi e dalla totale mancanza di comunicazione con le stesse realtà – riconosciute e a tratti persino in collaborazione con l’università negli anni precedenti.
Ovviamente utilizzando la classica scusa della sicurezza.

 

Sembrava però che due anni di chiusura totale – su cui è meglio non soffermarsi in termini di gestione dell’emergenza e della regolamentazione degli spazi universitari – avessero quantomeno contribuito a “distrarre” il Magnifico (che casualmente e tristemente si avvicina alla fine del suo interminabile mandato…).
Questa breve ma intensa distrazione ha permesso finalmente a student, collettivi e associazioni di rivivere e rivendicare quello che l’università pubblica dovrebbe essere: un luogo di crescita, scambio, socialità, stimoli.
Non una serie asettica di edifici frequentati per collezionare esami e subire tonnellate di nozioni.
Ed ecco che proprio in un momento di coscienza e rivalutazione delle esigenze di tutt, riemerge la solita vecchia repressione.

 

eigenLab – prefabbricato abbandonato e occupato nel 2011 all’interno del polo Fibonacci – ex hacklab che il Magnifico già prima della pandemia aveva abbondantemente preso di mira pluri-diffidando e soprattutto staccando la corrente; si è reso autonomo tramite un lungo percorso di auto formazione e l’installazione di un impianto fotovoltaico.
Tutto ciò mentre lo stesso Magnifico straparla di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali peccando del consueto green washing (…)
Incredibilmente, quest’atto di rivalsa compiuto da* student*, è passato quasi inosservato proprio per le motivazioni sopra citate: disattenzione a causa della pandemia e imminente scadenza del mandato del Magnifico.

Ad oggi, forte della nuova identità conquistata, eigenLab osa offrire a student e alla città alternative formative e ricreative all’interno dell’università.
Si spazia da workshop di varia natura a eventi musicali, tornei di ping pong e scacchi, giornate orto e cineforum all’aperto.
Già nel mese di maggio sono riemerse le antiche, ma mai acerbe problematiche.
Nel bel mezzo di eventi organizzati ci sono state visite inaspettate: grazie all’intervento della polizia municipale e della globo, è stata restituita alla città la tranquillità perduta sedando un temibilissimo torneo di ping pong all’aperto accompagnato da un live-painting e un “aperiQUEER” – evento musicale senz’altro ricreativo – ma pensato anche per sensibilizzare student e non sugli argomenti di genere e di orientamento sessuale.
In ultimo, il 22, 23, 24 e 25 giugno, proprio in occasione di una rassegna cinematografica completamente gratuita e autogestita – svoltasi sempre nel giardino di eigenLab – si sono verificati ripetuti interventi della globo, con annesse minacce e abusi di potere.
Inoltre, ad oggi, si vedono nuovi impianti per l’installazione di telecamere con lo scopo di intimorire tutte le persone che osano frequentare lo spazio. È cosi che si ricade sempre di più nelle squallide dinamiche di controllo.

 

È questa l’università pubblica che paghiamo.
Sono questi i valori che vogliono inculcarci: sicurezza, norme e burocrazia.
Il tutto con lo scopo di rimanere chiusi o immobili perché – come la pandemia ci ha insegnato – in alcuni casi è risultato molto più comodo.
È comodo infatti aver dimezzato tutti gli spazi universitari aumentando le tasse, è comodo che molt student abbiano perso le borse di studio non avendo avuto adeguate agevolazioni per la pandemia.
È altrettanto comodo ostacolare progetti liberi e spontanei, senza fornire alcuna alternativa.

 

In questo panorama di repressione, eigenLab è uno dei pochi spazi orizzontali che resiste offrendo eventi, laboratori e attività organizzati dal basso con lo scopo di restituire l’università agli student e alla città.

Finalmente #SIAMOACCES*!

Dopo oltre 10 anni di attività all’interno del “casottino” e dell’Università di Pisa, nell’estate del 2019 il rettore Paolo Maria Mancarella ha deciso di staccare la corrente ad eigenLab.
Per stessa ammissione del magnifico questa azione è finalizzata ad eliminare la fastidiosa presenza del collettivo che non trova spazio nella visione dell’Università-azienda.
Nonostante le numerose richieste di interlocuzione, il rettore, pur riconoscendo l’importanza e la legittimità dell’esperienza di eigenLab, non ha in alcun modo riconsiderato le sue posizioni.
Anzi, la sua politica repressiva ci ha fatt entrare nella cosiddetta “stagione dei cancelli” : il nostro giardino è stato chiuso svariate volte impedendoci di usufruire di tutti i servizi che hanno continuato ad esistere in questo spazio, dall’orto alla ciclofficina.
Ma nessuna chiusura è durata a lungo, nessun cancello ha impedito alle persone di continuare ad affluire nonostante la pandemia e la mancanza di elettricità.
Ci siamo prefissat di non abbandonare uno spazio che, dimenticato dall’università, è stato per molto tempo il centro di attività organizzate da student: abbiamo dovuto reinventarci tramite un crowdfounding per l’installazione un piccolo impiantosolare.
Questo consente al “casottino” di continuare a vivere, utilizzando una fonte di energia pulita ed ecologica: un’altra azione di contrasto alla  crisi climatica fra quelle che portiamo avanti.
Purtroppo, minacce di provvedimenti disciplinari verso la persona che si era intestata il conto del crowdfounding, unite alle restrizioni della pandemia, hanno stoppato il progetto per un po’.
Ma eigenLab è rimasto vivo, uno spazio necessario a tutte le persone che lo attraversano e contribuiscono a donargli nuove energie: è proprio grazie a queste che il progetto pannelli è potuto risorgere dalle ceneri a cui il rettore lo aveva costretto e ha visto finalmente la luce solare.
Per potenziare chi c’era, c’è, e ci sarà!
L’impianto solare serve solo a coprire un consumo minimo – poche centinaia di watt, sufficienti a garantire l’illuminazione nelle ore di buio e l’alimentazione di un paio di laptop – che saranno un punto di partenza per Ri-vivere il casottino non solo durante la bella stagione, senza lasciare un altro scheletro vuoto all’interno delle mura della nostra università.
Non è facile portare avanti un laboratorio senza corrente, non è facile vivere uno spazio sociale chiuso: se siamo ancora qua è perchè – in università – di eigenLab c’è bisogno!

#SIAMOACCES*

Vieni a trovarci il 18 marzo – dalle 14 in poi troverai tanti laboratori e attività!
Concluderemo la giornata con una jam e un aperitivo di autofinanziamentoti aspettiamo!

 

 

Per saperne di più visita la pagina dedicata!

 

IN SUPREMÆ DIGNITATIS

Logo Università di Pisa

dignità s. f. [dal lat. dignĭtas -atis, der. di dignus «degno»; nel sign. 3, il termine ricalca il gr. ἀξίωμα, che aveva entrambi i sign., di «dignità» e di «assioma»]. – 1. a. Condizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado, dalle sue intrinseche qualità, dalla sua stessa natura di uomo, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e ch’egli deve a sé stesso.

Certe persone non hanno una dignità. Semplicemente non ce l’hanno. Quel qualcosa che ti fa dire “Certo, sarebbe un’ottima soluzione, ma non posso farlo: non posso cadere così in basso” per loro non scatta.
Questa è la prima riflessione che sorgeva all’indomani dell’ultimo gesto dell’Università nei nostri confronti: l’Università di Pisa ha infatti chiuso nuovamente il cancello che collega il nostro spazio al resto dell’area Pontecorvo.

Scriviamo “nuovamente” perché quel cancello era già stato chiuso all’inizio dell’anno accademico in corso sfruttando il tipico spopolamento della città negli ultimi mesi estivi. All’epoca avevamo documentato l’evento con una serie di post in cui raccontavamo le nostre assurde vicende durante la “reclusione” che culminava con la nostra liberazione.

Continua a leggere

Il Signore dei Cancelli®

Cancello giardino chiuso

Cancelli e spazi chiusi, a cura di Paolo Mancarella.


Il cancello che porta ad eigenLab è stato richiuso ma stavolta non è il solo. Con la scusa della sicurezza, già tanto amata dal rettore per privare d’autonomia gli spazi autogestiti e non, la verve maccarellica può ora esprimersi senza vergogna.
Vengono così chiusi i cancelli, cambiate le serrature e svuotata l’università con la giustificazione della nostra salute.

Continua a leggere